Monthly Archives: July 2020

Assegno spedito per posta e incassato abusivamente: il nodo della responsabilità sciolto dalle SS.UU.

By | | No Comments

Con la sentenza n. 9769 del 26 maggio 2020 le Sezioni Unite della Corte Suprema di Cassazione hanno chiarito, componendo il contrasto giurisprudenziale, che la spedizione per posta ordinaria di un assegno, anche se non trasferibile, comporta il concorso di colpa del mittente, insieme alla banca negoziatrice, nel caso in cui l’assegno medesimo venga incassato da una persona non legittimata.

Ad avviso delle Sezioni Unite la scelta del mittente di avvalersi della posta ordinaria per la trasmissione dell’assegno al beneficiario rispetto ad altre forme di spedizione, quali la posta raccomandata o assicurata, si traduce nella consapevole assunzione di un rischio evidente ed ingiustificato che non può non costituire oggetto di valutazione ai fini dell’individuazione della causa dell’evento dannoso.