SOCIETÀ

By | Pillole di... | No Comments

SOCIETÀ – Di capitali – Società per azioni (nozione, caratteri, distinzioni) – Costituzione – Modi di formazione del capitale – Limite legale – Delle azioni – In genere accordo tra soci uno dei quali si obblighi a manlevare l’altro delle eventuali conseguenze negative del conferimento effettuato in società mediante l’attribuzione di un diritto di vendita c.d. put della partecipazione sociale a prezzo predeterminato – Liceità e meritevolezza degli interessi – Sussistenza.

Cass.  Civ. Sez. I Ord. 4 Luglio 2018, n. 17498

E’ lecito e meritevole di tutela l’accordo negoziale concluso tra i soci di una società azionaria, con il quale l’uno, in occasione del finanziamento partecipativo così operato, si obblighi a manlevare l’altro dalle eventuali conseguenze negative del conferimento effettuato in società, mediante l’attribuzione del diritto di vendita (c.d. “put”) entro un termine dato ed il corrispondente obbligo di acquisto della partecipazione sociale a prezzo predeterminato, pari a quello dell’acquisto, pur con l’aggiunta di interessi sull’importo dovuto e del rimborso dei versamenti operati nelle more in favore della società.

Compensatio lucri cum danno

By | Pillole di... | No Comments

Sulla questione se dall’ammontare dei danni risarcibili dal danneggiante debba essere detratta l’indennità assicurativa derivante dall’assicurazione contro i danni che il danneggiato abbia percepito in conseguenza del fatto illecito, si confrontano due orientamenti.
Le Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione – 22 maggio 2018 n. 12565 – confermano il divieto di cumulo di indennizzo assicurativo e risarcimento del danno  affermando che il danno da fatto illecito deve essere liquidato sottraendo dall’ammontare del danno risarcibile l’importo dell’indennità assicurativa derivante da assicurazione contro i danni che il danneggiato-assicurato abbia riscosso in conseguenza di quel fatto.

Trasporto – perdita della merce – mittente – azione risarcitoria – onere probatorio.

By | Pillole di... | No Comments

La Suprema Corte di Cassazione (cfr. sezione IV civile – ordinanza 12 gennaio 2018 n. 702) ha affermato, e non constano precedenti negli esatti termini, che qualora il mittente agisca nei confronti del vettore per il risarcimento del danno patito in conseguenza della perdita della merce trasportata, sul primo incombe soltanto l’onere di provare la perdita del carico e il suo valore, ma non anche di aver indennizzato il destinatario della merce per il mancato arrivo della stessa; spetterà invece al vettore dimostrare che il mittente aveva già percepito dal destinatario il prezzo della merce poi andata perduta e che quest’ultimo non gliene ha chiesto la restituzione.